Radio Càos
Articoli

Abbiamo intervistato il creatore della JAM APP

JAM può trasformare idee in musica, creando beat di genere elettronico, hip-hop o drum and bass con infinite possibilità di combinazioni

JAM è una nuova App gratuita per IPhone, con cui puoi trasformare il tuo dispositivo in un vero strumento musicale, semplicemente scuotendo e realizzando i tuoi beat.

È disponibile su Apple Store dal 7 gennaio 2018 e in poche ore ha raggiunto la posizione 71 sull’app store sezione musica di iTunes.

Il progetto è nato da un’idea di Paolo Mantini, fondatore di Clockbeats, ed è stato sviluppato secondo i più avanzati sistemi tecnologici, presentando un’interfaccia grafica incredibilmente chiara e brillante per consentire a tutti di godere delle sue funzionalità.

Ne abbiamo intervistato il fondatore.

Ciao Paolo, come nasce Jam?

Ciao!
Ero in studio con un mio amico a produrre ed improvvisamente, dopo aver suonato un kick (grancassa della batteria nella musica elettronica), si girò verso di me e esaltato si dimenò agitando la mano da destra a sinistra come se volesse picchiarmi. In quel momento capii che il suo movimento poteva essere trasformato in musica attraverso l’oggetto che utilizziamo di più durante la nostra giornata: lo smartphone.

E come funziona?

Per ora l’applicazione può emettere solamente 4 suoni, muovendo il cellulare orizzontalmente o verticalmente. Poiché una delle variabili è l’accelerazione bisogna prestare attenzione a fermare il cellulare subito dopo averlo “shakerato” altrimenti verranno generati due suoni, poiché capterà due differenti accelerazioni.

Chi è il pubblico target di questo progetto?

Jam è nata per tutti, amatori e professionisti!
Faremo una presentazione l’11 marzo a Brescia in cui faremo sentire e vedere come suonare in più persone contemporaneamente…  come si fa una vera JAM con JAM!

Faremo una live su facebook per chi non potesse essere presente di persona.

Continuate a seguirci sulla nostra pagina facebook di clockbeats o di Jam :
https://www.facebook.com/clockbeats/

Da dove possiamo scaricarla?

Cliccando questo link o navigando sull’app store del vostro iphone : https://itunes.apple.com/it/app/j-a-m/id1270208998

Purtroppo per ora è solo disponibile per Iphone… molto presto per Android!

State connessi nei prossimi giorni, avrò occasione di parlare del futuro di Jam nei prossimi eventi in Radio.

Sei il fondatore di Clockbeats, da dove viene questa tua passione?

È un percorso estremamente complesso e ricco di passione quello che mi ha portato oggi ad ideare progetti come Clockbeats e Jam. Sin da piccolo ho sempre avuto grande affinità con la musica, soprattutto quella classica, tanto che decisi di iscrivermi presso il Conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia, dove mi diplomai nel 2013, sotto la guida del M° Riccardo Crotti. Contemporaneamente sentivo di dover andare oltre ciò che la tradizione mi aveva insegnato, per questo iniziai a dedicarmi alla musica elettronica. Così decisi di studiare successivamente tecniche riguardanti mixing, mastering e sound design. Lavorando a stretto contatto con una moltitudine di artisti con differenti interessi, presto sentii il bisogno di espandere le mie passioni verso nuovi orizzonti. In questo modo creai ClockbeatsClockbeats Orchestra e, da pochissimo, JAM.

Qual è il tuo rapporto con la musica?

Un rapporto stranissimo, penso come tutti coloro che come me vivono di musica.
Sono sempre immerso in essa in un modo o nell’altro, anche quando vorrei farne a meno.

Forse perché ho la fortuna/sfortuna di viverla a 360 gradi, 7 giorni su 7.
Passo dal stare in studio condividendo parte del processo creativo e compositivo con tantissimi artisti, fino al momento in cui la musica prodotta deve fare i conti con la promozione e con la risposta del pubblico.

Durante il giorno mi capita di suonare a “spot” tra una call con un programmatore e un incontro con un artista… la musica è la mia vita e fa parte di me sia nel lavoro che nel tempo libero.

E quanto è importante internet, secondo te, nel diffondere la musica oggi?

In questo momento storico? Fondamentale.
Anche se molti dei miei colleghi preferiscono promuovere consegnando le produzioni direttamente all’artista di riferimento.

L’importante credo sia trovare sempre il giusto compromesso tra ciò che possiamo imparare dal passato e i tools che ci sta offrendo la tecnologia.

 

Segui e scarica JAM
https://www.facebook.com/JAMAPP.COOL
https://www.instagram.com/jamapp.cool
https://itunes.apple.com/it/app/j-a-m/id1270208998
http://jam.cool

POTREBBERO INTERESSARTI